Updates from the Choko-age project: clinical trial recruitment underway



[English 🇬🇧, Italiano 🇮🇹 sotto]

From the University of Verona’s online magazine: https://www.univrmagazine.it/2022/07/06/il-cioccolato-per-combattere-la-malnutrizione-e-la-fragilita-negli-anziani/

The Choko-Age project, aimed at over 65 with cognitive decline, is underway

Can chocolate, one of the most popular sweets, rich in vitamin E and polyphenols, also help in reducing the risk of protein-energy malnutrition and frailty in the elderly with cognitive decline? Naturally combined with a structured physical activity program.

This is the question from which an international project, called Choko-Age, which involves the University of Verona with the Research Center “Sport, mountain and health” and the Motor Sciences section of the Department of Neuroscience, Biomedicine and Movement, starts. takes care of clinical research. The universities of Liverpool (UK), Molde (Novergia), Incliva VLC (Spain), the Perugina-NestlĂ© Group and the start-up Molecular Horizon also participate in the project, which sees the University of Perugia as the lead partner of the study.

For three years, experts will study the relationship between aging, cognitive decline, nutrition and physical activity. The Scaligero team is made up of professors and researchers Massimo Venturelli, Anna Pedrinolla, Roberto Modena, Valentina Cavedon, Chiara Milanese, Nicola Smania, Federico Schena, Cristina Fonte and Valentina Varalta.

The goal is to study the aspects of malnutrition in the population over 65, with cognitive decline, which often lead to an involuntary weight loss linked to the loss of lean mass and the related decrease in muscle function. This implies a worsening of the quality of life, of the state of health, of the level of self-sufficiency with social and economic consequences. What is being experimented in Verona is to verify the effects of malnutrition on lean mass and muscle strength through a combined intervention of physical activity and a food supplementation of chocolate.

The treatment consists of an individualized activity but carried out in a group context, in the equipped gym of Motor Sciences, with specific programs to develop maximum strength in the lower limbs and improve aerobic capacities. Added to this is the daily intake of a single portion of chocolate, enriched with polyphenols and vitamin E: two micronutrients with a strong antioxidant action which, by slowing down and preventing the oxidation phenomenon, have a beneficial effect in maintaining muscle fibers.

Polyphenols and physical activity are known to lower cortisol levels in the elderly, but this effect has been more studied for its clinical and behavioral implications, not for its metabolic outcomes on muscle tissue and in the aging process,” he explains. Massimo Venturelli, professor of the department of Neuroscience, biomedicine and movement. “These aspects will be studied for the first time in elderly subjects with cognitive decline, a population at high risk of malnutrition and consequently of muscle atrophy, sarcopenia and frailty. And for the first time, it will also be evaluated how the intake of vitamin E, combined with physical exercise, can prevent oxidative stress at the mitochondrial level “.

The study is already giving the first promising results in treated patients and it is possible, for those interested, to participate for free in the research. “Choko-Age is a multicentre research whose effects we hope will bring significant benefits to slow down and counteract involuntary weight loss in the elderly population with cognitive decline”, concludes Anna Pedrinolla, professor in the section of Motor Sciences. “It is a synergistic combination of effective, non-pharmacological strategies, which are stalled with a view to improving the quality of life. The people who have joined today feel motivated: they carry out a personalized motor activity in a group and this increases and strengthens the relational aspects; they also know they are being taken care of through evaluations that involve trust and trust ”.

An added value of this research is given by the possibility for family members, carers and caregivers to attend the treatment by being able to use the gym to carry out activities while they wait. “I am very happy with this opportunity”, says Stefania Padrini, daughter of Maria, an eighty-year-old lady who started the treatment a few weeks ago. “I discovered the project by participating in a seminar organized by the Alzheimer’s association, where Pedrinolla told about the study, and I decided to bring my mom. I was immediately surprised by the structures, the researchers, their professional and human capacity. A total care. My mom suffers from senile dementia. It was not easy to convince her to participate, she was a little reluctant at the beginning of her, as happens with everything new to her. Now we see, day after day, a change both physical (she feels safer from a motor point of view) and cognitive (she tells me what she experiences during the treatment), not easy for those who find it hard to remember. The possibility of taking exams, such as that of body composition, in a short time and for free, is not an absolutely obvious service. For us it is a privilege to be in this very important research “.

“To counteract cognitive decline, it is necessary to train the mind and work on motor skills and sensory stimulation,” says the president of the Alzheimer Verona ODV Association Maria Grazia Ferrari Guidorizzi. “Taking up an assumption of the scientist Lamarck, it is the function that creates the organ, thus placing the focus on adaptation as a result of the use or disuse of a particular organ. I carried out a treatment protocol at the Research Center in Neuromotor and Cognitive Rehabilitation (Crrnc) and Structured Motor Activity, a work of strength and speed, at the Facility of Motor Sciences. I was welcomed and followed with great professionalism and relational competence. The first training sessions were a bit hard, then slowly, it got better and better. From a physical and mental point of view, there was an evident progressive improvement. The work protocol allows first of all to reach the best possible functional level, counteracts the tendency to isolation in the social and family context, also reducing the burden of assistance. With our association, of which I have been the president since 2002, with the “Relief” project on behalf of Ulss 9, we are also committed to offering people with cognitive impairment concrete help and support with laboratory activities for memory, musical activities and music therapy, self-help groups and recreational socialization activities in small groups. I am therefore aware of the importance of research projects such as Choko-Age which, involving the elderly population, will allow an extension of a good quality of life in the third / fourth age with relative economic savings of social and health services for the institutions “.

For more information: [email protected]

[Italiano 🇮🇹]

Dal Magazine dell’UniversitĂ  di Verona: https://www.univrmagazine.it/2022/07/06/il-cioccolato-per-combattere-la-malnutrizione-e-la-fragilita-negli-anziani/

Al via il progetto Choko-Age, rivolto a over 65 con declino cognitivo

Il cioccolato, dolce fra i più amati, ricco di vitamina E e polifenoli, può essere anche di aiuto nel ridurre il rischio di malnutrizione proteico-energetica e di fragilità negli anziani con declino cognitivo? Naturalmente unito a un programma strutturato di attività fisica.

Questa è la domanda da cui parte un progetto internazionale, denominato Choko-Age, che coinvolge l’universitĂ  di Verona con il Centro di ricerca “Sport, montagna e salute” e la sezione Scienze motorie del dipartimento di Neuroscienze, biomedicina e movimento, che cura la ricerca clinica. Al progetto, che vede l’ateneo di Perugia capofila dello studio, partecipano anche gli atenei di Liverpool (Regno Unito), Molde (Novergia), Incliva VLC (Spagna), il Gruppo Perugina-NestlĂ© e la start up Molecular Horizon.

Per tre anni gli esperti studieranno la relazione tra invecchiamento, declino cognitivo, nutrizione e attivitĂ  fisica. Il team scaligero Ă¨ composto dai docenti e ricercatori Massimo Venturelli, Anna Pedrinolla, Roberto Modena, Valentina Cavedon, Chiara Milanese, Nicola Smania, Federico Schena, Cristina Fonte e Valentina Varalta.

L’obiettivo è studiare gli aspetti della malnutrizione nella popolazione over 65, con declino cognitivo, che spesso portano a un calo di peso involontario legato alla perdita di massa magra e alla correlata diminuzione della funzionalitĂ  muscolare. Questo implica un peggioramento della qualitĂ  della vita, dello stato di salute, del livello di autosufficienza con conseguenze di tipo sociale ed economico. Ciò che si sta sperimentando a Verona è verificare gli effetti della malnutrizione sulla massa magra e sulla forza muscolare attraverso un intervento combinato di attivitĂ  fisica e una supplementazione alimentare di cioccolato.

Il trattamento consiste in una attivitĂ  individualizzata ma svolta in un contesto di gruppo, nella palestra attrezzata di Scienze Motorie, con programmi specifici per sviluppare la massima forza degli arti inferiori e migliorare le capacitĂ  aerobiche. A questo si aggiunge l’assunzione quotidiana di una monoporzione di cioccolato, arricchita di polifenoli e vitamina E: due micronutrienti a forte azione antiossidante che, rallentando e prevenendo il fenomeno dell’ossidazione, hanno un effetto benefico nel mantenimento delle fibre muscolari.

“Polifenoli e attivitĂ  fisica sono noti per abbassare i livelli di cortisolo negli anziani, ma questo effetto è stato maggiormente studiato per le sue implicazioni cliniche-comportamentali, non per i suoi esiti metabolici sul tessuto muscolare e nel processo legato all’invecchiamento”, spiega Massimo Venturelli, docente del dipartimento di Neuroscienze, biomedicina e movimento. “Questi aspetti verranno studiati per la prima volta in soggetti anziani con declino cognitivo, popolazione ad alto rischio di denutrizione e conseguentemente di atrofia muscolare, sarcopenia e fragilitĂ . E per la prima volta si valuterĂ  anche come l’apporto di vitamina E, combinato con l’esercizio fisico, possa prevenire lo stress ossidante a livello mitocondriale”.

Lo studio sta giĂ  dando i primi promettenti risultati nei pazienti trattati ed è possibile, per chi fosse interessato, partecipare gratuitamente alla ricerca. “Choko- Age è una ricerca multicentrica i cui effetti auspichiamo portino significativi benefici per rallentare e contrastare la perdita di peso involontaria nella popolazione anziana con declino cognitivo”, conclude Anna Pedrinolla, docente nella sezione di Scienze motorie. “Si tratta di un combinato sinergico di strategie efficaci, non farmacologiche, che si stallano nell’ottica di migliorare la qualitĂ  di vita. Le persone che ad oggi hanno aderito si sentono motivate: svolgono una attivitĂ  motoria personalizzata in gruppo e questo accresce e potenzia gli aspetti relazionali; inoltre sanno di essere prese in cura attraverso valutazioni che comportano fiducia e affidamento”.

Un valore aggiunto di questa ricerca è dato dalla possibilitĂ  per familiari, accompagnatori e caregiver di assistere al trattamento potendo usufruire della palestra per svolgere attivitĂ  mentre attendono. “Sono molto felice di questa opportunità”, racconta Stefania Padrini, figlia di Maria, una signora ottantenne che da alcune settimane ha iniziato il trattamento. “Ho scoperto il progetto partecipando a un seminario organizzato dall’associazione all’Alzheimer, dove Pedrinolla ha raccontato lo studio, e ho deciso di portate mia mamma. Sono stata fin da subito sorpresa delle strutture, dei ricercatori, della loro capacitĂ  professionale e umana. Una presa in cura totale. Mia mamma soffre di demenza senile. Non è stato facile convincerla a partecipare, era un po’ riluttante all’inizio, come avviene per ogni cosa nuova per lei. Ora vediamo, giorno dopo giorno, un cambiamento sia fisico (si sente piĂą sicura dal punto di vista motorio) sia cognitivo (mi racconta quello che vive durante il trattamento), non semplice per chi fa fatica a ricordare. La possibilitĂ  di fare esami, come quello della composizione corporea, in poco tempo e gratuitamente, non è un servizio assolutamente scontato. Per noi è un privilegio stare in questa importantissima ricerca”.

“Per contrastare il declino cognitivo occorre allenare la mente e lavorare sulle abilitĂ  motorie e sulla stimolazione sensoriale”, afferma la presidente dell’Associazione Alzheimer Verona ODV Maria Grazia Ferrari Guidorizzi. “Riprendendo un assunto dello scienziato Lamarck, è la funzione che crea l’organo, ponendo così l’attenzione sull’adattamento come risultato dell’uso o del disuso di un determinato organo. Ho svolto un protocollo di trattamento presso il Centro ricerca in riabilitazione neuromotoria e cognitiva (Crrnc) e attivitĂ  motoria strutturata, un lavoro di forza e velocitĂ , presso la struttura di Scienze motorie. Sono stata accolta e seguita con grandissima professionalitĂ  e competenza relazionale. I primi allenamenti sono stati un po’ duri, poi piano piano, è andata sempre meglio. Dal punto di vista fisico e mentale c’è stato un miglioramento progressivo evidente. Il protocollo di lavoro permette innanzitutto di raggiungere il migliore livello funzionale possibile, contrasta la tendenza all’isolamento nel contesto sociale e familiare, riducendo anche l’aggravio assistenziale. Con la nostra associazione, di cui sono la presidente dal 2002, con il progetto “Sollievo” su incarico dell’Ulss 9, siamo anche noi impegnati ad offrire alle persone con decadimento cognitivo aiuti e supporti concreti con attivitĂ  laboratoriali per la memoria, attivitĂ  musicali e musicoterapia, gruppi di auto-mutuo-aiuto e attivitĂ  ricreative di socializzazione in piccoli gruppi. Sono quindi consapevole dell’importanza di progetti per la ricerca come Choko-Age che, coinvolgendo la popolazione anziana, consentirĂ  un prolungamento di una buona qualitĂ  di vita nella terza/quarta etĂ  con relativo risparmio economico di servizi sociosanitari per le Istituzioni”.

Per maggiori informazioni: [email protected]

Share This Post

Don't miss the latest

Subscribe to our newsletter and connect via Linkedin to receive important updates about the project.

Other articles